Un copritermosifone tutto nuovo!

Come rinnovare un vecchio copritermosifone in legno in modo semplice e veloce.

Care amiche e amici creativi, quest’oggi desidero mostrarvi come possa essere semplice e veloce rinnovare un vecchio copritermosifone che oramai non ci piace più o semplicemente per renderlo più in linea con i colori del nostro arredamento.

Avevo questo vecchio copritermosifone in legno di un color ciliegio che poco si armonizzava col bianco della mia cucina, così ho deciso di procedere ad un restyling molto semplice.

Materiale occorrente:

  • Pannello in legno;
  • chalk paint color bianco naturale;
  • finitura trasparente all’acqua opaca;
  • carta vetrata sottile (io ho utilizzato una 220);
  • pennello piatto (io ho utilizzato uno a setole fini e sintetiche);
  • fregio decorativo in legno;
  • colla a caldo.

Prima di procedere con la pittura, ho pulito ben bene la superficie da trattare con una soluzione di acqua e bicarbonato di sodio.

Poi ho cominciato a stendere una mano della mia immancabile alleata: la chalk paint.

Per chi di voi non lo sapesse, si tratta di una pittura a base gessosa che ci consente di cambiare il colore a tutte le superfici senza dover passare per il noioso step della carteggiatura.

Ho atteso che si asciugasse e ho dato una seconda passata.

Questa volta ho preferito carteggiare leggermente per eliminare qualche striatura del pennello che si era formata con l’asciugatura per rendere la superficie più liscia e omogenea possibile.

Ora si passa alla finitura trasparente che serve da protezione e rende le superfici lavabili (ovviamente procedete sempre accuratamente utilizzando solo un panno umido e non troppo bagnato).

Anche per la finitura io preferisco sempre fare una doppia passata.

Per la decorazione questa volta ho scelto un fregio in legno perché, optando per una soluzione total white, ho preferito dare tridimensionalità al lavoro anziché ricorrere,come spesso faccio, alla tecnica del decoupage che è semplice e d’effetto.

Quindi ho pitturato il fregio in legno dello stesso colore del supporto e poi ho provveduto ad incollarlo con della semplice colla a caldo.

Che ne dite?

A me ha soddisfatto molto il risultato e poi mi gratifica immensamente dare nuova vita ad oggetti già vissuti.

Vi abbraccio,

Claudia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *